Battiti Cardiaci e Frequenza Cardiaca

battiti cardiaciBattiti Cardiaci, ne sapete abbastanza? Nel nostro approfondimento sulla Pressione Arteriosa abbiamo accennato al rapporto tra battito cardiaco e ipertensione o ipotensione. Oggi vogliamo approfondire proprio il tema dei battiti del cuore. La frequenza cardiaca, ossia i battiti al minuto, è un fattore da tenere sotto controllo. E questo non soltanto quando si è in presenza di rischi per la salute.

Il cuore è il motore della nostra macchina. La sua salvaguardia è fondamentale. E come? Mantenendo uno stile di vita corretto e effettuando controlli periodici. Se acquistate un moderno misuratore di pressione potrete farlo semplicemente. I dispositivi in vendita (Omron e Medisana i migliori) consentono di misurare pressione e frequenza dei battiti. Non solo avrete la misura del battito cardiaco. Otterrete, infatti, informazioni anche su battiti irregolari. Oltre che su presenza di un’eventuale aritmia.

Partiamo alla scoperta di come funziona il cuore. Quanti battiti al minuto? Cosa si intende con Bradicardia e Tachicardia? Quale il rapporto tra Battiti del cuore e Pressione? Oggi diamo risposta a queste domande. Se avete curiosità commentate l’articolo, vi risponderemo.

Indice dei Contenuti
Battiti Cardiaci al minuto
Misurazione Battiti Cardiaci
Bradicardia o Brachicardia
Tachicardia
Tachicardia Cause
Test Frequenza Cardiaca sotto sforzo
Battiti del cuore e Pressione
Conclusioni: il cuore è il nostro motore!

Battiti Cardiaci al minuto

Quale è la frequenza cardiaca normale? Introduciamo il concetto di pulsazioni. Si intede il numero di battiti del cuore. Quello che ci interessa è calcolare quanti battiti al minuto fa il cuore.
Partiamo dal fatto che per costruire una tabella dei battiti cardiaci dobbiamo considerare l’età. Sono presenti enormi differenze tra neonati e bambini rispetto agli adulti. Per i primi il battito cardiaco normale presenta pulsazioni maggiori. La frequenza cardiaca dei bambini è quindi maggiore rispetto agli adulti.
Le pulsazioni normali variano in base al sesso. Da tenere conto per la rilevazione del battito cardiaco normale.
Ricordiamo che, se non in alcuni casi, si misurano le pulsazioni a riposo. Come vedremo di seguito è però utile effettuare visite di controllo sotto sforzo.

Di seguito potete trovare la tabella dei battiti cardiaci.

EtàBattiti a riposo
Neonati (meno di 1 anno)da 70 a 160 bpm
Bambini da 1 a 6 annida 80 a 130 bpm
Bambini da 7 a 18 annida 70 a 110 bpm
Adulti oltre 18 anni da 60 a 110 bpm (leggere differenze uomo/donna)
Soggetti Sportivida 40 a 60 bpm

Misurazione Battiti Cardiaci

Come si ottiene una misurazione del battito cardiaco? Come già anticipato gli sfigmomanometri digitali hanno la funzione di misuratore battiti cardiaci. Se non ne disponiamo esistono però metodi semplici per valutare il battito cardiaco a riposo. Il problema si pone quando si una un battito cardiaco basso. Il “segnale”, in questi casi, può essere più difficile da valutare.

Il modo più semplice è misurare il battito al polso. Questo grazie l’arteria radiale. E’ necessario posizionare due dita (indice e medio) sul polso. Esattamente sotto il pollice. Il “segnale” che arriva dall’arteria radiale varia da soggetto a soggetto. E’ buona norma verificare la posizione migliore per ascoltare i battiti. Sentendo il sangue pulsare sotto le dita avrete modo di contare le pulsazioni.
Se non riuscite al polso potete sfruttare l’arteria carotide. Più semplicemente si posizionano due dita sul collo. Proprio sotto la mandibola. E’ necessario spostarsi leggermente fino a che non sentite bene il battito.

In alternativa ai due metodi potete effettuare la misurazione dietro al ginocchio. Per quanto riteniamo è, però, una modalità più difficile. Spesso sono battiti bassi e “contare” non è semplice.
Per calcolare il battito del cuore tenete un orologio all’altra mano. O abbiate l’accortezza di avere un orologio da muro o una sveglia di fronte.

Bradicardia o Brachicardia

bradicardiaTra le anomalie possibili c’è la bradicardia o brachicardia. Si tratta di situazioni con frequenza cardiaca bassa. I battiti cardiaci al minuto sono inferiori a 60 bpm (battiti al minuto). Valori al di sotto dei normali. Stiamo parlando di battiti a riposo. In questi casi è necessario effettuare test sotto sforzo per avere il quadro clinico completo. La Bradicardia è spesso tipica degli
sportivi professionisti e in special modo per coloro impegnati in sport di durata. Tra questi ciclisti e maratoneti.
Non tutte le situazioni sono simili e si distinguono due situazioni.

  • Bradicardia Lieve o Moderata. Da 59 bpm a 40 bmp;
  • Bradicardia Seria. Inferiore a 40 bmp;

Se per la prima tipologia sono necessari controlli medici periodici per la seconda spesso si necessita intervento immediato. Questo può prevedere l’impianto di un pacemaker. In alternativa sono previste terapie farmacologiche. Spesso sentirete parlare di Bradicardia Sinusale. E’ esattamente la condizione descritta di frequenza cardiaca bassa. I termini possono essere, quindi, considerati sinonimi.

Tra i sintomi della Brachicardia abbiamo:

  • Stanchezza cronica;
  • Sensazione di Vertigini;
  • Insonnia o Disturbi generici del sonno;
  • Ipotensione o Pressione Bassa;

Per le cause la bradicardia può essere fisiologica. In questi casi non è preoccupante. Può però essere collegate a patologie. Tra questi malattie cardiovascolari (tra cui infarto) e Ipotiroidismo. Anche assunzione di farmaci antipertensivi, come i beta-bloccanti, potrebbe essere una causa.

Tachicardia

Qua ci troviamo di fronte alla situazione opposta. Avete presente la sensazione di cuore in gola? Tachicardia è una parola che viene dal greco e sta per cuore volte. Battiti accelerati, cuore che batte forte. Spesso creano ansia e portano a battiti cardiaci alti ancora di più. Un circolo vizioso da interrompere. Con la tachicardia si hanno, quindi, pulsazioni alte. Si parla alcune volte, impropriamente, di tachiaritmia. Impropriamente perchè si ha un battito cardiaco accelerato ma pur sempre regolare.
Avrete sentito parlare di tachicardia parossistica. La situazione in questi casi è ben diversa. E’, infatti, una vera e propria aritmia che porta il cuore, improvvisamente, ad accelerare.
La Tachicardia è una situazione da tenere monitorata. Tenete sempre informato il medico pur se effettuate misurazioni quotidiane a casa.

Tachicardia Cause

Se vi capita di sentire il cuore in gola le cause possono essere molteplici.

  • Tachicardia in gravidanza. Il bambino che cresce ha bisogno di nutrimento. Il cuore deve lavorare per due ed è normale avere più battiti in gravidanza. Si possono registrare 70 battiti al minuto, di poco superiori ai valori normali. Può accadere di arrivare a 90 battiti al minuto a riposo o addirittura 100 battiti al minuto. E’ necessario, in ogni caso, efettuare una visita di controllo con il proprio ginecologo per avere un quadro chiaro della situazione. Le palpitazioni in gravidanza crescono con il passare dei mesi. Sia per la crescita del bambino che per l’aumento di peso della futura mamma;
  • Tachicardia Notturna. A molti capita di sentire il cuore in gola nel bel mezzo della notte. Le cause della tachicardia, in questo caso, sono da ricondurre a situazioni di stress e ansia. Quanti di noi portano con sè, nel sonno, i problemi della vita quotidiana?;
  • Ernia iatale e Tachicardia. L’Ernia iatale può portare lo stomaco a esercitare pressione sull’atrio destro del cuore. In special modo dopo aver mangiato. Si possono avere, così, episodi di tachicardia improvvisa e una frequenza cardiaca alta;
  • Tachicardia dopo mangiato. Vale quanto detto poco sopra. Le palpitazioni dopo mangiato sono tipiche di coloro che soffrono di ernia iatale o di cattiva digestione. Lo stomaco esercita una pressione indiretta sul cuore. Tra i rimedi della tachicardia, in questi casi, farmaci per favorire uno svuotamento dello stomaco e migliore digestione;
  • Ansia e Tachicardia. L’ansia è nemica del cuore. Come abbassare i battiti cardiaci? In questi casi respirate a fondo. Prendetevi il vostro tempo, non siate schiavi del circolo vizioso ansia e tachicardia;
  • Tiroidite e Tachicardia. In questo caso è consigliata una visita approfondita con un endrocrinologo. Il rapporto tra tiroide e tachicardia deve essere analizzato da uno specialista esperto;
  • Tachicardia al Risveglio. Come per la Tachicardia notturna anche la tachicardia mattutina può essere causata da periodi di stress e ansia. Valutate il vostro stato psico-fisico e informate il
    medico di fiducia;
  • Tachicardia e Mal di testa. Può capitare di avere un legame tra i due disturbi. Più che una causa il mal di testa, e in alcuni casi nausea, è sintomo della tachicardia;
  • Tachicardia prima del ciclo. La sindrome premestruale, con gli ormoni attivi nel corpo, può accelerare il battito;
  • Febbre e Tachicardia. E’ una risposta fisiologica e naturale dell’organismo. La febbre porta sempre a un aumento della frequenza cardiaca. In passato si usava “contare” le pulsazioni proprio per tale finalità;

Le cause della Tachicardia sono molteplici. Se avvertite palpitazioni a riposo o palpitazioni continue il nostro e unico consiglio è di rivolgersi al medico di famiglia. E’ necessario tenere sotto controllo la situazione. I rimedi per la Tachicardia dipendono da caso a caso. Una visita approfondita con lo specialista giusto vi chiarirà le idee. Prima di assumere farmaci per tachicardia è fondamentale avere un piano terapeutico.

Test Frequenza Cardiaca sotto sforzo

Per un’analisi approfondita del cuore è utile misurare i battiti cardiaci sotto sforzo. In questo modo si spinge il fisico alla frequenza cardiaca massima e si valuta il numero di pulsazioni cardiache. Le modalità, in strutture sanitarie autorizzate, sono simili. Il paziente viene posizionato su una bicicletta o tapis roulant. Si inizia, sotto controllo medico, l’attività fisica. Si misurano i battiti al minuto a riposo per poi aumentare il ritmo cardiaco. Misurare la frequenza cardiaca sotto sforzo è importante per capire se esistono problemi al cuore. Le pulsazioni al minuto sono, inoltre, un segnale dello stato di allenamento di un soggetto. Utile sia per attività professionista ma anche, e forse soprattutto, per attività sportiva amatoriale.
Ottimo strumento per una valutazione dello stato di salute di un soggetto è il test di Cooper.

Battiti del cuore e Pressione

Esiste un rapporto tra battiti del cuore e pressione. Situazioni di pressione bassa e battiti alti possono verificarsi, come abbiamo visto, in gravidanza. Non deve spaventare la condizione di pressione bassa e tachicardia ma un controllo del medico di fiducia è sempre importante.
Del resto il collegamento tra pressione e battito cardiaco è ben visibile nei soggetti ansiosi. A quanti sarà capitato di andare dal medico, avere ansia della visita e vedere i valori pressori aumentare? Un circolo vizioso che può portare a tachicardia improvvisa.

Conclusioni: il cuore è il nostro motore!

Il cuore è il nostro motore. Lo abbiamo detto più volte, non dimentichiamolo! Curare la salute del cuore è uno dei primi passi per stare bene. Così come scegliere uno stile di vita sano. Evitate fumo, abuso di alcol e praticate sport. Il motore del vostro corpo vi ringrazierà!

Lascia un commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.