Ipertensione da Camice Bianco

Ipertensione da Camice BiancoIpertensione da Camice Bianco, ne avete mai sentito parlare? Certo, nessuno di noi è felice di andare dal medico. Possiamo ammetterlo senza vergogna. Il medico, le strutture sanitarie e peggio ancora gli ospedali mettono, ai più, una certa ansia. Uno stato di agitazione che, come è chiaro, può avere impatti considerevoli su cuore e pressione.

Con Ipertensione da Camice Bianco si intende la condizione per cui i valori pressori aumentano in Ambulatorio per poi tornare nella norma una volta fuori.

Una condizione che, se desta preoccupazione minore, non deve essere sottovalutata. Questo perchè potrebbe “nascondere” altri disturbi e, in ogni caso, è sinonimo di un problema, magari di natura psicologica.

Del resto abbiamo già parlato in un nostro approfondimento del rapporto Pressione Alta e Ansia. Oggi siamo di nuovo sul campo dell’emotività, ma con un occhio attento ai valori. Cerchiamo di capirne di più, partendo dalla premessa: cosa è la Iatrofobia?

Indice dei Contenuti
Iatrofobia la paura dei Medici
Ipertensione da Camice Bianco: la ricerca conferma
Perchè si alzano i valori?
Quali rischi per l’organismo?
Come capire se soffriamo di Ipertensione da Camice Bianco?i

Iatrofobia la paura dei Medici

La paura (o comunque ansia) di fronte a un camice bianco. Del resto, poi, non sempre di camice bianco si tratta. La paura si estende a infermieri e personale sanitario in genere. Spesso anche di fronte al medico di famiglia o, addirittura, al farmacista quando ci misura la pressione.

Come si chiama questa condizione di ansia che a volte può diventare patologica? Iatrofobia, termine che deriva dal greco (iatròs si traduce proprio con “medico”). Il soggetto, nei casi più gravi, può arrivare addirittura a evitare di sottoporsi a qualsiasi esame medico. Che sia un semplice prelievo di sangue, un’ecografia o peggio ancora una TAC, un EcoDoppler.

Qualsiasi esame crea nel soggetto ansia. Tanto che, anche quando sperimenta fastidi o problemi di carattere fisico, tende ad ignorarli. E’ troppo forte la paura di sottoporsi a un esame medico.

Paura di cosa? Spesso è indefinita. Non soltanto paura di provare dolore, ma paura dei risultati delle analisi. Siamo sinceri, ognuno di noi ha sperimentato almeno una volta questo tipo di ansia.

Paura che si estende, addirittura, ad evitare di assumere farmaci. Si parla in tale caso di “Chemofobia“. In questi casi si rende necessario un percorso di tipo psicoterapeutico o psichiatrico.

Ipertensione da Camice Bianco: la ricerca conferma

Questa forma “transitoria” di Pressione Alta è stata dimostrata da più ricerche. Molto interessante è quella condotta da Alejandro de la Sierra e il suo team di ricercatori dell’Università di Barcellona.

Una ricerca davvero approfondita pubblicata sull’importante rivista internazionale “Hypertension” (trovate la ricerca completa, in lingua inglese, cliccando qua).

Il campione della ricerca è stato, del resto, davvero esteso. Quasi 70.000 pazienti, con età media di 64 anni suddivisi in maniera uguale tra uomini e donne. Alla misurazione in studio medico ben 8.300 pazienti sono stati considerati Ipertesi.

Ma il risultato davvero sorprendente è quando sono stati sottoposti all’Holter Pressorio per 24 ore. Misurando la pressione ogni 20 minuti i valori pressori di molti pazienti risultavano nella norma.

La conclusione? Ben il 37% soffrivano di Ipertensione da Camice bianco, con una piccola differenza tra uomini (34%) e donne (42%).

Offerta
Beurer Sanitas SBM 21 Misuratore di Pressione da Braccio
1.435 Recensioni
Beurer Sanitas SBM 21 Misuratore di Pressione da Braccio
  • Misurazione completamente automatica della pressione e del battito cardiaco al braccio, tempo di misurazione breve
  • Classificazione dei risultati di misurazione con scala colorata
  • Rilevazione aritmia: rileva il ritmo cardiaco e avverte in caso di possibile disturbo

Perchè si alzano i valori?

Chi ha sperimentato periodi di forte Stress sa bene che questa condizione, che può apparire erroneamente come solo psicologica, ha conseguenze importanti sul fisico.

Ma alla Pressione Arteriosa cosa succede quando si ha paura del medico? Cercando di essere più chiari possibili ma senza entrare nei tecnicismi medici la situazione, il responsabile dell’aumento dei valori è proprio il nostro cervello.

La paura del medico stimola, infatti, la produzione di Adrenalina (stessa sostanza sprigionata quando abbiamo una forte emozione, sia paura o felicità). Proprio questa sostanza contribuisce a spingere i valori verso l’alto.

Di quanto? Addirittura si riscontrano variazioni di +20 mmHg, e in alcuni casi +25 mmHg, per la massima mentre di +10 mmHg per la minima. Variazioni, quindi, importanti che possono falsare l’interpretazione dei risultati da parte del medico.

Il rischio? Quello di vedersi prescritta una terapia con Farmaci Antipertensivi (in principal modo Beta-Bloccanti). Si tratta, quindi, una condizione transitoria come se fosse “stabile”.

E perchè prendere farmaci se non ne abbiamo bisogno?

Quali rischi per l’organismo?

Partiamo da una premessa. Stiamo parlando di una condizione tanto diffusa quanto difficile da interpretare. Questo perchè sono in gioco molti fattori soggettivi. Tra questi l’inclinazione generale del paziente allo stress e all’ansia, una semplice “giornata storta” o magari un periodo particolarmente intenso.

Il problema, in questi casi, è capire quale è il valore reale della pressione. E considerate che l’effetto non riguarda soltanto gli adulti (come nel caso della ricerca over 60 anni). Si possono, infatti, riscontrare valori temporaneamente più elevati anche per bambini e ragazzi.

Spesso provoca Tachicardia o, comunque, alterazioni del Battito Cardiaco. Perchè non è da sottovalutare? Il motivo è che molte ricerche hanno dimostrato che pazienti che ne hanno sofferto negli anni sono più inclini a valori stabilmente più elevati. E questo è assolutamente un elemento da tenere conto nell’analisi del quadro clinico completo del paziente.

Come capire se soffriamo di Ipertensione da Camice Bianco?

Come abbiamo detto è importante capire la causa, se transitoria o permanente. Per questo motivo sono importanti due attività da mettere in campo.

La prima è far prescrivere al medico l’Holter Pressorio. Ne abbiamo parlato nel nostro approfondimento che trovate qua. Potete trovare tutto quello che c’è da sapere: come prepararsi, quando arrivano i risultati, come funziona.

La seconda cosa importante da fare è misurare la pressione a casa. Come? Abbiamo più volte parlato su MisuratoreDiPressione.net di quanto sia importante la rilevazione autonoma, comodamente a casa.

Rilevazione che oggi è resa decisamente più semplice grazie ai moderni misuratori digitali. Completamente automatici, possono essere utilizzati anche da persone anziane. Basta indossare la fascia, premere un pulsante e in meno di 1 minuto si hanno i risultati, spesso comprensivi dei battiti. Niente di più semplice. Nella comodità e tranquillità di casa vostra potrete riscontrare i valori reali.

Importante è scegliere il dispositivo giusto. Sul nostro portale trovate una sezione dedicata ai Migliori Modelli, oltre che la recensione di diversi modelli delle migliori marche: Omron, Beurer, Medisana, PIC Solution.

Il consiglio è sempre di tenere informato il medico delle rilevazioni pressorie domestiche. Sarà, così, in grado di avere un quadro ancora più completo delle condizioni di salute del paziente. E voi potrete così capire se davvero soffrite di Iatrofobia.

MisuratoreDiPressione.net è il sito di riferimento per la pressione arteriosa con tanti consigli, approfondimenti e suggerimenti per combattere l’ipertensione.